Volkswagen prepara il Touareg II

C_4_articolo_2049371_upiFoto1F

Arriverà la prossima estate la seconda generazione di Volkswagen Touareg, il veicolo che ha aperto al brand tedesco l’accesso al segmento dei Suv dalla porta principale.Touareg è infatti un grande Suv, con dotazioni tecniche da primadonna, e non a caso viene prodotto con tante parti comuni a Porsche Cayenne e Audi Q7. Un world Suv (720 mila unità vendute con la prima serie), che ripartirà dalla Cina, perché sarà costruito anche nel Paese della Grande Muraglia, sebbene con tutte le stimmate della tecnologia europea.

Basti pensare che di serie il nuovo Touareg avrà i motori 6 cilindri TDI che già rispettano la normativa Euro 6 sulle emissioni. E per i più “evoluti” ci sarà in gamma anche la versione ibrida elettrica. Sofisticata la dotazione di sicurezza, standard sarà tra l’altro il sistema di frenata anti collisione multipla. Il grande Suv Volkswagen vanta una dinamica di marcia impeccabile, al grado più avanzato delle tecnologie off-road oggi disponibili. I propulsori offrono la raffinata funzione di disaccoppiamento del motoree conseguente avanzamento per inerzia, così da ottimizzare i consumi di carburante.L’ampia gamma motori va da 204 a 340 CV, mentre la Touareg Hybrid, che abbina un V6 turbo benzina e un motore elettrico, sviluppa 380 CV di potenza.

A richiesta sono poi disponibili le sospensioni pneumatiche, che sui terreni accidentati consentono di aumentare l’altezza dal suolo fino a 30 cm, mentre a velocità superiori ai 140 km/h provvedono ad abbassare automaticamente l’assetto. Cambiamenti importanti anche sotto il profilo stilistico. Il look di Volkswagen Touareg cambia davanti, con i fari bixeno di serie e la nuova calandra a quattro lamelle (e non più due), e inedito è anche lo spoiler anteriore. Cambia anche il disegno della coda, mentre la possente fiancata mette in mostra cerchi che vanno dai 17 ai 21 pollici. Novità anche per gli interni, con rivestimenti in pelle in tinte diverse e un’esclusiva illuminazione con luce bianca, ma l’attesa è tutta nei nuovi servizi online mobili quali, tra l’altro, Google Earth Mapping e Google Street View, disponibili in Europa in autunno.

Fonte

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *