Via alle “Steve Jobs School”, lezioni sui tablet

C_2_articolo_1113172_imageppUno dei sogni della mente innovativa di Steve Jobs è sempre stato quello di portare le sue tecnologie nelle scuole, per cambiare il concetto classico di insegnamento e di apprendimento degli studenti. Quel sogno sta prendendo forma in Olanda, dove in sette istituti è partito l’ambizioso progetto “Education for a New Era”.

Nelle scuole oranje in questione, ribattezzate Steve Jobs School, sono spariti libri, quaderni e lavagne, per far posto ad iPad e schermi ai muri. L’esperimento, che coinvolge giovani studenti dai 4 ai 12 anni, prevede che le lezioni e gli esercizi si svolgano esclusivamente sui tablet e che le spiegazioni degli insegnanti vengano seguite su lavagne ultrapiatte e multimediali. Secondo l’O4NT, questo l’acronimo dell’organizzazione, tutto ciò sviluppa nei ragazzi “talento e abilità del 21esimo secolo”, creando nativi digitali per eccellenza.
L’attività scolastica si svolge grazie alle applicazioni disponibili sulle “tavolette” e ad una connessione costante a Internet. Gli insegnanti hanno così modo di controllare i miglioramenti e il rendimento degli alunni, tenendo d’occhio anche le attività di gruppo; inoltre sarà possibile registrarne orari di entrata e uscita dalla classe. L’obiettivo dell’organizzazione è ben chiaro sul sito ufficiale, dove una vecchia lavagnetta assume i contorni di un tablet.
A questo punto il dubbio è uno solo: saranno in grado gli insegnanti di adattarsi al drastico cambiamento, rivedendo anche il loro modo di lavorare? Il rischio è solo quello che ben presto gli studenti stessi presto saranno più “tecnologicamente evoluti” dei loro maestri e professori.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *