Taylor Swift la storia con Harry Styles tutta una montatura

taylor-swiftIl sospetto che tutto fosse finto era stato subodorato da molti. E in effetti lastoria fra la stella del country, la biondissima Taylor Swift, 20 anni, e il giovane leader dei One Direction, Harry Styles, 19 anni, non sembrava molto credibile.

Tanto che secondo il sito americano Blindgossip alla fine Taylor Swift, più o meno inconsciamente, si è lasciata sfuggire che la storia con il cantate inglese era tutta una montatura per avere un bel po’ di pubblicità gratis.

Tutto in realtà risalirebbe agli inizi di gennaio, quando Taylor Swift sarebbe stata scaricata da Harry e avrebbe lasciato le isole Vergini dove la coppia stava trascorrendo una vacanza… sembra proprio che la cantante durante lo scalo del suo aereo abbia fatto una telefonata che l’avrebbe tradita.

Rivolta a un’amica Taylor Swift avrebbe raccontato che la sua storia d’amore con il cantante inglese sarebbe stata organizzata dal suo manager, ma sarebbe finita male, molto male. Taylor avrebbe scaricato tutte le responsabilità su Harry, colpevole, a suo dire di non aver neppure provato a rendere credibile la storia agli occhi del pubblico.

E la biondina avrebbe anche giurato di acconsentire per l’ultima volta a fingersi fidanzata con qualcuno solo per avere qualche copertina in più… un passeggero avrebbe riconosciuto la cantante e avrebbe spifferato tutto alla stampa… insomma una vera e propria delusione per i giovanissimi fan della coppia… la storia fra i due cantanti era durata poco più di un mese, quando Taylor ed Harry erano stati fotografati allo zoo.

Da quel momento in poi le loro uscite si erano moltiplicate e la loro storia era stata consacrata dal bacio a Times Square della coppia immortalato in foto e diffuso via Twitter in occasione del Capodanno. E anche se le fan di Harry non gradivano la presenza di Taylor Swift, poco dopo i due giovani erano partiti per le Isole Vergini dove ci sarebbe stato il litigio definitivo che ha chiuso la loro storia fasulla…

 

Fonte

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *