Mercedes Classe G 6×6 fuori dagli schemi

mercedes-classeg-6x6--1-Solo chi ha esperienza nel 4×4 come Mercedes, poteva pensare di creare una Classe G a trazione integrale 6×6, motore AMG Power V8 biturbo ed un aspetto che non lascia dubbi. La show car Mercedes-Benz G 63 AMG 6×6 è un fuoristrada che esce dagli schemi: 400 kW (544 CV) di potenza, trazione 6×6, marce ridotte, cinque bloccaggi del differenziale, assi a portale, impianto di regolazione della pressione degli pneumatici ed assetto speciale permettono a questo pick-up di spingersi in zone normalmente interdette alla mobilità individuale. Ma non si tratta di un veicolo spartano, pronto per La Dakar. Infatti, grazie a una serie di migliorie degli interni nate dalla fucina AMG, i passeggeri possono godere del massimo comfort possibile in ogni situazione topografica e meteorologica. Un ulteriore tocco di esclusività è dato dal piano di carico rivestito in solido bambù.

La show car Mercedes-Benz G 63 AMG 6×6 unisce in sé il meglio di tre mondi. I modelli di serie Classe G garantiscono a questo incredibile fuoristrada la superiorità e l’equilibrio di un veicolo leader del panorama off-road da 34 anni. Dai modelli militari e commerciali di Classe G sono state riprese invece, le caratteristiche di robustezza assoluta, funzionalità e capacità d’imporsi nella marcia fuoristrada. Infine, la divisione Mercedes-AMG ha dato il proprio tocco in fatto di performance ed esclusività, con una tecnologia del motore all’avanguardia ed interni, tanto eleganti quanto confortevoli.

Sfogliando i dati tecnici si può notare come, per G 63 AMG 6×6, l’avventura off-road inizia dove gli altri veicoli si fermano (ad eccezione dei cingolati). È inutile cercare nei fuoristrada tradizionali sei ruote motrici, marce ridotte nel ripartitore di coppia, assi a portale, cinque differenziali inseribili durante la marcia ed impianto di regolazione della pressione degli pneumatici attivo e comandabile durante la marcia, in grado di variare la pressione degli enormi pneumatici da 37 pollici in tempi record. Da questo deriva un’incredibile dinamica di marcia in tutte le condizioni topografiche. La show car affronta anche le dune più alte con facilità. Le piste nella sabbia non fanno più paura grazie all’incrollabile stabilità della traiettoria. Il veicolo domina i terreni rocciosi con estrema agilità ed è in grado di superare senza problemi guadi da un metro di profondità. Inoltre, chi sperimenta le prestazioni on-road rimarrà colpito dall’incredibile accelerazione di questo pick-up del peso di 3,85 tonnellate.

Nonostante la trazione unica nel suo genere, la show car non è una novità nel vero senso della parola. A 34 anni dall’inizio della produzione di Classe G, G 63 AMG 6×6 mutua tutta una serie di elementi tipicamente “G”. Prendiamo ad esempio la catena cinematica: il motore AMG Power V8 biturbo da 400 kW (544 CV) con 760 Nm di coppia ed il cambio automatico AMG SPEEDSHIFT PLUS 7G-TRONIC, combinato con la catena cinematica anteriore di G 63 AMG e quella doppia posteriore derivata dalla versione 6×6 (adottata dall’esercito australian) dimostra un alto livello di affidabilità. Senza contare gli innovativi assi a portale, anch’essi di derivazione militare ed utilizzati per la prima volta in un veicolo per uso civile.
L’assetto guarda soprattutto alla produzione di serie. Solo le molle elicoidali e gli ammortizzatori sono stati modificati per adattarsi alle caratteristiche specifiche del modello a tre assi. Inoltre, anche per quanto riguarda le molle, gli ingegneri sono stati in grado di adottare una serie di componenti tipicamente “G”, mettendo a disposizione, ad esempio, ben 15 diverse caratteristiche di elasticità. Mentre l’asse anteriore è provvisto delle molle rinforzate di una versione blindata, il primo asse posteriore presenta caratteristiche di elasticità notevolmente più rigide, il secondo più morbide. Insieme agli ammortizzatori oleopneumatici regolabili collaudati per i rally, nasce così una simbiosi perfetta fatta di dinamismo sportivo e comfort rilassato. Sia on-road che off-road.

 

Fonte

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *