Gerry Scotti papà innamorato del figlio 21enne Edoardo

gerry_scotti_con_il_figlio_edoardo_a_san_francisco_eccoli_in_uno_scatto_intimo_e_familiare_davanti_al_golden_gate_bridge_804fTutto merito della tecnologia. Gerry Scotti, innamorato di suo figlio Edoardo, 21 anni, riesce a parlarci più volte al giorno via computer. Il ragazzo vive a Los Angeles dove studia cinema. Chi ha chiesto al ragazzo di intervistare il popolare conduttore proprio durante una conversazione fatta al pc. Immancabile la prima domanda: “Cosa ha pensato quando saresti diventato padre?”. “Era il 1992, io e tua mamma stavamo insieme da 10 anni e il tuo arrivo era un traguardo voluto e cercato per dare un senso più profondo a quella unione – ha spiegato Scotti – Ci siamo sposati senza sapere che stavi per arrivare, lo abbiamo coperto durante il viaggio di nozze. Ora tu sei ‘internazionale’, hai fatto tre il giro del mondo, ma la prima volta è stata nel pancione della mamma, quando siamo partiti con la nave per andare in America”. Gerry è diventato padre a 35 anni: “Per fortuna sei arrivato subito, così ho potuto condividere con te quella mia parte di fanciullezza rimasta”. Nonostante gli impegni di lavoro in tv, ha sempre cercato di essere dal figlio “alle otto di sera”: “Quando finivo di essere il Gerry Scotti televisivo, volevo essere semplicemente padre”. I momenti difficili non sono mancati: “Non ti ho mai detto che nel periodo più difficile della nostra vita, quando io e tua madre non stavamo più insieme, venivo a prenderti solo per vederti mezz’ora e, per essere lì a vederti quella mezz’ora, prendevo l’aereo da Roma a Linate, salivo in macchina, ti tenevo per quei brevi momenti, alle sette e mezzo di sera, e poi ripartire”. Gerry è stato un ragazzo fortunato con genitori meravigliosi, oggi è un padre felice. Chiama spesso Edoardo perchè non può fare altrimenti. Tra loro non ci sono cose non dette. Un ultima cosa: Gerry voleva facesse come lui il conduttore? “Adesso pensa a fare il regista, che a fare la star c’è sempre il tempo!”.

Fonte

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *