Francesco Arca, voglio un figlio

FRANCESCO-ARCAMolto probabilmente Francesco Arca starà gongolando di felicità: l’ex tronista ormai riconvertito attore ha ricevuto non pochi complimenti dal regista Ferzan Ozpetek che lo ha scelto come protagonista per il suo nuovo film Allacciate le cinture. “È la dimostrazione che non serve studiare. Arca ha un istinto animale per la recitazione: è nato attore” ha detto Ozpetek parlando di Francesco Arca durante la conferenza stampa di lancio del film.

Saranno sufficienti queste parole per mettere a tacere chi critica Arca e il suo debutto al cinema senza esperienza? Al di là delle critiche di certo Francesco Arca sta attraversando un periodo molto felice e sotto ogni profilo. Protagonista de Le tre rose di Eva, Arca ha debuttato nel Commissario Rex poche settimane fa, ma il ruolo da protagonista in Allacciate le cinture è la sua grande occasione senza contare che si è parlato molto di questo film.

A settembre si vociferava addirittura che la sua compagna di set, Kasia Smutniak avesse lasciato il compagno, il produttore Domenico Procacci dopo aver preso una sbandata per Arca. Una notizia che si è rivelata del tutto infondata anche considerando che Kasia aspetta un bambino proprio da Procacci.

E Francesco Arca da parte sua è felice accanto alla sua compagna, Irene Capuano, con cui aveva già avuto una storia qualche anno fa.

In una recente intervista l’ex tronista ha svelato di aver finalmente capito come “la quiete e il calore sono le cose più importanti: ti danno la forza. L’amore è travolgente ma se poi vissuto bene diventa casa”. Non si definisce però un tipo romantico dato che ha avuto esperienze che lo hanno indurito e che si trova a dover nascondere la sua sensibilità in diversi momenti, ma solo per potersi proteggere. Adesso però Francesco Arca è in pace con sé stesso e ha ritrovato l’amore: è pronto a mettere su famiglia e spera di poter diventare padre nel più breve tempo possibile certo che la paternità potrebbe dare una luce tutta particolare alla sua vita…


tara

Fonte

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *